Le piccole cose che rendono felici

Ero in bagno e mi passavo un cottonfiocco dentro le orecchie. Lo so, fa male che si accumula il cerume, e poi si crea il muro di Berlino dentro l’orecchio ed è un casino. L’unico pensiero al massimo è che qualcuno mi urti e mi sposti il braccio e così mi ritrovo senza timpano, o peggio che io camminando inciampi e succeda la stessa cosa (chi mi conosce sa che sbatto contro tutto). A parte le mie fantasie drammatiche, scotinzolarmi le orecchie è uno di quei piccoli piaceri che mi concedo ogni tanto. Non parlo di quando ho le orecchie sporche, ma di quando so che sono pulite ma ce lo passo uguale perché mi piace, perché mi fa stare bene.

Stare bene non è forse sinonimo di felicità? Non parlo di quella idea di felicità trascendentale, ma di quella che ti fa sorridere, che ti fa dimenticare delle cose tristi anche solo per il tempo di strusciare un cottonfiocco.

Mi è venuto così in mente di scrivermi una lista delle piccole cose che mi tirano su il morale, sia mai che in un momento di tristezza non mi aiutino a sorridere almeno per qualche secondo e dimenticarmi di tutto il resto.

  • Pulirmi le orecchie con i cottonfiocchi
  • Il sole sul viso
  • L’odore della terra appena inizia a essere bagnata dalla pioggia (o quando si annaffia)
  • Rileggere qualche commento/lettera/bigliettino di auguri scritto per me
  • Spispolarmi i capelli (meglio se ho sottomano il ragno di  che fa i massaggi alla testa)
  • curare le mie piante
  • una lunga doccia calda
  • guardare le statistiche del mio blog (vedere che qualcuno mi cerca e mi legge è gratificante)
  • se ci sono giornate un po’ buie, curare maggiormente l’aspetto della mia tavola, ad esempio con fiori di campo
  • chiamare una amica
  • annusare alcuni oli essenziali
  • la cioccolata
  • andare a trovare una persona cara
  • fare una passeggiata con un bel panorama
  • il profumo dei fiori

E voi? quali sono le piccole cose che vi fanno stare bene?

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto