Il suicidio di una bilancia

-post dell’agosto 2008-
La cosa più tragica che può capitare a una donna a dieta è che la propria bilancia si rompa!

In 2 anni e mezzo ormai son già 2 le bilance che mi hanno lasciata quindi deduco che si siano suicidate,non c’è altra spiegazione.
L’ultima bilancia, una di quelle con l’ago modello ultra vecchio, l’avevo presa apposta non complicata così durava parecchio e invece pa-track!!
L’ultima volta che l’avevo usata era stato per pesare le valigine delle vacanze che non dovevano superare i 10 kg, e la bilancina le aveva pesate bene (non aveva scazzato il loro peso) quindi credevo al peso che la bilancia diceva di me -*4 kg- a inizio agosto.
Lascio così la bilancia per due settimane e appena tornata a casa decido di pesarmi con molto timore (in 2 settimane la mia “dieta” era a base di panini, gelato e poc’altro), sistemo la bilancia, posiziono l’ago sullo 0 e salgo.
*8
Azz…penso e scendo dalla bilancia e vedo che al posto dello 0 c’è un 3, e la mia mente si illumina (*8 – 3 = *5 –> solo 1 kg allora non sono ingrassata così tanto!!)
Azzero di nuovo la bilancia e patatrack….va da sola sui 55 kg e non riesco a smuoverla.

Cosa ha pensato la mia bilancia in queste due settimane per suicidarsi?
si, perchè non esiste altra spiegazione visto che a casa era da sola…

Oggi ho comprato una nuova bilancia che come al solito ci pesa sempre dei kg in più rispetto alla vecchia bilancia. Ho fatto molte prove, in tutte risultavo pesare *1,8 kg, e in una soltanto *8,5.

Non mi resta che rassegnarmi e partire con questa nuova cifra…

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto