Ci devo pensare….

Non sono nata imparata. Si, so fare mille mila cose (e di solito mi chiedono “ma c’è qualcosa che non sai fare?”) ma mi manca la più banale e credo una tra le più importanti: saper dire di no quando è necessario, quando effettivamente una cosa in quel momento non la si vuole fare, per qualsiasi motivo.

Ecco, io non so individuare sul momento il motivo, il perchè il per come e dico “Si”. Anzi, inizio subito dicendo “Se posso certamente” e poi mi fanno la domanda, quindi peggio ancora.
Siccome so già che non riuscirò a dire “NO” con le mie conoscenze abbiamo optato per iniziare a dire “ci penserò su” così cerco di capire se effettivamente lo voglio o non lo voglio fare, e soprattutto il perchè e cosa sento.
Vi è mai capitato di prendere una scelta e solo dopo sentire quel magone, quel groppone sulle stomaco che vi dice che la scelta era sbagliata?
A me capita il più delle volte
Sempre
Non solo con gli uomini che mi son scelta come -momentanei- compagni di letto e di vita, ma anche con parenti, con amici, con il fornaio, con chicchessia…me lo faccio capitare, scivolare addosso come la pioggia ti bagna quando sei senza ombrello e non ci sono portici.

Quindi.
Devo porre rimedio, ma conoscendomi questa cosa prenderà molto tempo. Per alcune sono molto radicale.
Smetto di fumare da un giorno all’altro
Smetto con la carne da un giorno all’altro
Ma con altre abitudini devo fare un piccolo passo al giorno, abiturami, farci i calli
Quindi non imparerò mai a dire subito no, a meno che la persona al di là delle mie parole non continui a insistere e quindi diventa facile modificarle e trasformarle in “NO”.
Altrimenti mi resta “CI DEVO PENSARE…”
Il che per me è una salvezza.
Mi da tempo, per salvarmi, per comprendermi, per non fare una figuraccia, per uscirne con eleganza.
Se mai vi risponderò “Ci devo pensare” sappiate che mi stata quindi mettendo in difficoltà nell’intimo e mi sto proteggendo, quindi meditate in quello che di sbagliato avete appena chiesto.
Io ho iniziato con questo espediente, al momento con richieste online che si son trasformate in un secco “NO”, quindi vedo una soluzione al mio problema.
Se si vuole si può modificare qualcosa in noi, ma solo se effettivamente lo vogliamo noi!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto