Furgon-tour…

Eravamo rimasti che vi dovevo raccontare il viaggio mi pare. Quasi 1300 km in 2 giorni

Son stati dei giorni un po’ di fuoco….


Per arrivare a Parigi non ci ho mai messo così tanto, per paura di perdere il treno visto che non ero mai andata a Treviso aeroporto son partita con un pochino di anticipo e arrivata tipo un’ora e mezza prima. Fatto sta che avevo l’aereo alle 15.30 e siamo uscite di casa alle 9. Mattinata piovosa. Connessa a Facebook vedo una amica di Levico nella chat e le chiedo se per caso era in zona per scroccare un passaggio e bingo! eravamo già prontissime e di corsa in stazione con tipo 30-40 minuti di anticipo.
Dopo 3 treni e un autobus arriviamo all’aeroporto, il tempo rimastoci lo passiamo in fila. Fila per informazioni, fila per entrare chec-in chec-up, fila per entrare aereo.
Volo. Arrivo al sempre lontanissimo aeroporto di Beauvais. Alle 20 finalmente siamo all’Operà e becchiamo la sorella per mangiare da Kintaro che tra una cosa e l’altra si mangia forse alle 21, non ricordo.
Il nano e una strada non compresa mi han fatto sbagliare

Giorno dopo Lucilla ci abbandona e ci fa perdere un sacco di tempo.  Alla fine gambe in spalla e via verso la motorizzazione dove si scopre che io non servivo e poi verso l’assicurazione dove serviva solo la mia patente. Comunque, malcomprensioni con la sorella mi fanno perdere un bel atelier sulla fascia che mi ero prenotata.
Pomeriggio poi passato a passeggiare per Parigi con la mamma e il nano Canederlo

Il giorno dopo anche se avevamo messo la sveglia alle 7-7.30 siamo partite effettivamente alle 12.30. Tra docce, comprare i croissant, andare a prendere il furgon-camper e metterci dentro la Lucilla è passato il tempo, già perchè spostarlo per le strette vie della Parigi periferica non è stato affatto facile.
Consiglio, se volete uscire da Parigi non affidatevi a una bionda che Twitta…
Dopo aver perso mezz’ora per tornare indietro e recuperare la giusta strada e dopo i primi 200 km lontani da Parigi sento un bel rumore appena acceleravo, il classico rumore “oddio si è staccato qualcosa dal motore”.

Il classico rumore, quello che poi se segui il tubo della marmitta ti accorgi che si è completamente rotto proprio all’imboccatura del motore. Quindi via a cercare un meccanico che saldi, ma che abbia “la saldatrice” quella con la fiamma ossidrica e che abbia anche il tempo per farlo. Al terzo meccanico finalmente troviamo uno che non rimanda al giorno dopo o che non usa scuse del tipo “noi non saldiamo”. Smonta il pezzo, parte col furgoncino e va dall’amico saldatore e nel giro di mezz’ora torna con la marmitta saldata. La rimonta, e ci saluta.
Facciamo senza soste lunghe altri 400 km e ci fermiamo in un paesello della Borgogna a dormire in un B&B.
800 km e passa ci aspettano tra cui 11 da fare sotto il monte Bianco.
in totale sono state 14 ore perchè a una media di 110 km orari e in alcuni casi per arrivare alle alpi si andava in salita anche a meno…lenti lenti lenti
Poi le code a Genova, le soste per sgranchirsi, per un caffè, due caffè, tre caffè

Arrivati a destinazione finalmente dopo le infinite curve e gallerie e code di Genova, alle 23 a Livorno. Scesa dal furgon-camper non so effettivamente dove avessi le forze per guidarlo gli ultimi km perchè non mi reggevo in piedi. Il viaggio si è concluso poi domenica tornando verso Trento con altri 450 km fatti in treno…

Puoi leggere..

Cosa danneggia il perineo

Cosa danneggia il perineo?

In tantissime/i pensano che il perineo sia danneggiato solo da parto vaginale e menopausa. E invece no… Il pavimento pelvico può avere delle disfunzioni anche

Eventi

Come vivere al meglio la Gravidanza!

  Questa domenica sarò impegnata finalmente nella mia zona, Livorno, per un incontro super figo sul benessere in gravidanza. I professionisti di FisioCare di Studio