Ernia…il Barbontour di pasquetta!

Era dai tempi del liceo che non avevo una avventura del genere…
In cosa consiste? beh…nel fare un viaggio con uno o due obiettivi e il resto si decide per strada, come ad esempio dove mangiare o piantare la tenda.
La meta principale era Gardaland e a seguire Genova. Già l’orario della partenza è stato modificato, all’inizio dovevamo partire alle 5.30 del mattino di martedì per arrivare in tempo per l’apertura del parco giochi, poi è stato modificato alle 19 di lunedì aggiungendo una tappa in più: Prato!


A Prato c’era un concerto dei Train de Vie, un gruppo folk (tipo Bandabardò o Modena City Ramblers) molto carino e che ci ha fatto ballare e ridere

Andando via dal concerto Simone propone una sosta breve a Bologna per bere un chupito in centro. Uscendo da Prato però ci attira l’insegna del Mecdraive del Mcdonald…come non fermarsi?!?


A Bologna siamo arrivati intorno alle 3, siamo stati sotto la torre degli Asinelli, in piazza Maggiore, sotto la statua di Nettuno e poi ripartiti di fretta e furia per Peschiera


Siamo arrivati a Peschiera alle 5.30 del mattino e siamo andati alla ricerca di un campicello per piantare la tenda e così ho scoperto l’utilità della tenda Due secondi che è praticissima quando hai sonno e devi montare la tenda velocissimamente e richiuderla in altrettanto poco tempo (bisogna fuggire prima che qualcuno avverta le autorità perchè hai piantato la tenda in proprietà privata…gfhghgh)

E alle 10 eravamo a Gardaland! Anche se era martedì c’era un sacco di gente reduce delle vacanze pasquali e dalle 10.30 alle 17 (poi ha iniziato a piovere) abbiamo fatto solo 5 giostre. Io non ero mai salita sopra delle montagne russe e mi sono un po’ …come dire…strizzata con alcune tanto che spesso mi avvinghiavo alle maniglie e tenevo gli occhi chiusissimi

Tante risate, tanta allegria… Sono stata proprio bene e questo grazie ai due compagni di viaggio Simone e Tulia.

Forse vi chiederete perchè Ernia come nome di questo Barbontour… Alla prima giostra, quella nuovissima che hanno appena inaugurato, durante l’attesa (1 ora e mezza… o_O ) continuavamo a sentire le raccomandazioni tra cui c’era “si avvisa che non potranno salire sull’attrazione gli “esploratori” con una circonferenza addominale e quelli con problemi di schiena, mal di vita, scoliosi……..ERNIAAAAAAA”. Quello che ci colpiva era il tono sia di Generosa che di Ernia, per tutta la giornata abbiamo continuato a ripetere sta frase come degli scemi e chissà per quanto altro tempo continueremo a farlo!!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto