Attacchi di femminilità

Da quando sono uscita dall’onda adolescienziale e ho iniziato a lavorare in un bellissimo pub con altre due stupende donne sono iniziati questi miei attacchi: fare delle spese fuori dall’ordinario di classici accessori femminili.
Queste due donne, Princess Chiara e Alessandra mi hanno portato sulla retta via del fard, rossetto rosso e truccosetti vari. Verso l’ora di cena il pub era sempre deserto e loro ne approfittavano per truccarmi. Fu così che un giorno a Pisa andando dall’università alla stazione entrai in una profumeria e mi comprai un fard che però era stonatissimo per la mia pelle (dannata la tipa che me lo ha consigliato) pagandolo 20 euri.
Il successivo attacco fu per il matrimonio di mia sorella, lei mi guardò da vicino e mi disse “accipicchia quanti punti neri, devi fare qualcosa” e allora comprai un super pulitore che funziona benissimo, peccato che non sia diligente nell’usarlo.
Poi ci fu l’attacco degli smalti. Una amica in un turno di notte mi dipingeva le unghie e mi insegnò perfino un metodo semplicissimo per la french manicure. Allo smontare del turno mi ritrovai in una profumeria a fare scorte di smalti….diciamo che li uso di più per decorare le palline delle collane più che per le mie unghie.
Al pigiama parti 12camp da mia sorella ho scoperto il pennellino magico. Ovvero un correttore di occhiaie che devo dire fa dei veri miracoli. Questo fortunatamente lo uso ogni volta che mi trucco e i risultati si notano!!
L’altra sera una amica è passata da me visto che poi andavamo al cinema insieme e mi ha truccata come al suo solito solo che rovistando tra i miei trucchi ha trovato ben poco. Quindi oggi pervasa dalla mia solita necessità di femminilità mi sono infilata dentro un negozio Kiko e ho beccato la prima commessa e le ho detto “oggi voglio fare spese folli”. Mi ha truccata con molta devozione spiegandomi i vari passaggi, peccato per come mi trucco di solito sembravo un po’ una bagascia. Comunque sono tornata a casa con 60 euro in meno ma con:
-fluido matificante e idratante
-fondotinta (mai comprato prima)
-spugnette per spalmare il fondotinta
-limetta (le mie ultime risalgono a più di 5 anni fa e non ce la facevano più)
-smalto rinforzante
-eyeliner brillantinoso
-rossetto rosso scuro da baldraccona indelebile (così alla laurea me lo metto e non ci penso più) con matita in tinta
-ombretto nuovo da tutti i giorni
-pennello per stendere l’ombretto
Spero di riuscire a usare tutta sta roba come si deve….purtroppo non allegano le istruzioni agli ombretti o al fondotinta e mi sento un po’ persa…e mia sorella al momento ha solo spiegato come si stende il rossetto

Lei è la mia truccatrice di fiducia!!!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto