Tatuaggi all’hennè

Mi son data all’arte sulla pelle.
Prima di sperimentare sulle pance delle gravide mi son messa a sperimentare su me stessa anche perchè l’idea di poter avere tanti tatuaggi diversi e poter cambiare e poter disegnare e poter inventare e riiniziare mi piace tanto come idea.
Soprattutto lo sperimentare una tecnica e vedere come il risultato cambi in base al tempo di posa, tempo di riposo dell’impasto in frigo, in freezer, come cambi il disegno se uso una siringa da pasticcere o un cono fatto da me.
Imparare che forse era meglio fare quel passaggio in più e setacciare la polvere così dopo avevo meno grummi…
Non vedo l’ora di avere di nuovo la mano libera e poter sperimentare di nuovo! e anche di poter disegnare su una pancia ripiena!!

Come funziona?
si prende la polvere, tipo 2 cucchiai, si mescola aggiungendo succo di limone filtrato e un cucchiaino di zucchero a velo (tipo deve essere 1/3 della quantità di polvere di hennè che si usa). Si mescola fino a che viene una pasta tipo dentifricio.
Si copre con qualcosa di traspirante e si lascia riposare per 12 ore o una notte, vicino a un po’ di calore ma non a una cosa bollente.
Si prende il tutto e quindi si porta a una certa ottimale consistenza diluendo ancora se necessario con la sempre solita soluzione di limone e zucchero. Si aggiungono 3 gocce di olio essenziale buono, ad esempio quello alla lavanda che non provoca irritazione nel più delle volte può andare bene e quindi si usa l’hennè.
Perchè tutta sta pappardella? il limone e l’olio essenziale aiutano per il rilascio della tintura, lo zucchero invece da consistenza e morbidezza al composto.
Come si stende l’hennè? si può fare in tantissimi modi. Si può fare con il pennello, si può usare una siringa con o senza ago (l’ago spesso viene ttroncato quindi resta senza la punta tagliente), si possono infine creare dei coni con una carta plasticosa con cui si disegna poi il tutto e sono il modo più carino e pratico per disegnare.
Una volta che è quasi asciutto, passata almeno una mezz’ora, si prende ancora limone+zucchero e si tampona o spennella il disegno così rilascia ancora meglio il colore sulla pelle.
Dopo almeno 1 ora, 1 ora e mezza si può togliere l’hennè secco anche se potete lasciarlo su tutta la notte. Quando togliete la “crosta” lavate un po’ con acqua e poi asciugate e mettete un po’ di olio vegetale per aiutare a fissare bene ill colore.

Questo è il disegno come appare al mattino dopo che è stato fatto, il colore è rossiccio e deve maturare, oscurarsi. Ho usato una siringa da pasticcere… il tratto è grossolano anche perchè era pieno di grummi

Questo invece dopo qualche giorno, il colore è più scuro, un rosso mattone. Ora che è passata una settimana il colore è sempre rosso mattone ma inizia un po’ a perdere densità e ad esempio lunghe le pieghette della mano non c’è più

Questo invece è uno sperimento che ho fatto con l’impasto dopo 2 giorni che era in frigorifero e con un cono. L’impasto era sempre con grummi ma si disegnava già molto meglio e creare un cono è molto semplice.

Il disegno è venuto più chiaro, questo è al mattino ma anche ora che è maturato non è molto scuro. Suggerisco se vi avanza del colore di metterlo in freezer come ho trovato scritto in vari tutorial.

Puoi leggere..

Cosa danneggia il perineo

Cosa danneggia il perineo?

In tantissime/i pensano che il perineo sia danneggiato solo da parto vaginale e menopausa. E invece no… Il pavimento pelvico può avere delle disfunzioni anche

Eventi

Come vivere al meglio la Gravidanza!

  Questa domenica sarò impegnata finalmente nella mia zona, Livorno, per un incontro super figo sul benessere in gravidanza. I professionisti di FisioCare di Studio