Tutorial Mei Tai: cucire il proprio marsupio

Dopo l’articolo della settimana scorsa sui Mei Tai non potevo non postare un po’ di tutorial che ci sono online per cucire il proprio mei tai. Ci sono tante mamme che hanno messo a disposizione i loro tutorial e la loro esperienza per condividere l’arte del portare e del cucire! Chi sa cucire o chi ha una nonna o zia che sa cucire può farselo regalare.

Essendo un supporto ergonomico tutto in stoffa può essere facilmente cucito se si ha dimestichezza con la macchina da cucire. Di solito un mei tai comodo ha le fasce larghe 20 cm, così non segano le spalle e il peso viene ben distribuito.

Da La casa nella prateria corredato anche di un sacco di immagini per poterlo provare!

E poi c’è quello di Mammacanguro con un bellissimo disegno!

My Mei Tai ci regala queste spiegazioni tutte in italiano!

Un bellissimo tutorial per un sciccosissimo Mei Tai, The Land of K.A

Ci sono anche dei tutorial su equAzioni
Come realizzare un Mei Tai

E per concludere un bel video di Yo hago cositas dove mostrano come realizzano un Mei Tai

Ecco invece un Mei Tai un po’ diverso dal solito ma sembrerebbe comunque comodo, da Porte Bébé chinois

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto