Tortino con pomodori e ricotta

Questo tortino è nato un giorno di un caldo afoso in cui mi sono accorta che una pasta sfoglia che avevo in frigo era scaduta e un po’ rinseccolita. Dai primi prototipi di tortino -visto che il primo era di molto bono- gli ultimi si sono evoluti nel tagliare e montare la sfoglia dando vita sempre a più belle ciambelline ripiene!
Per farla uso la pentola fornetto o il forno palestinese, il risultato è eccellente e forse meglio anche del forno.

Ingredienti
1 pasta sfoglia tonda
150-200 gr di ricotta (poi vedete voi quanta ce ne volete)
pomodori maturi
parmigiano
sale, pepe, basilico

Per tagliare la sfoglia tonda e farla entrare in una forma a ciambella prima di tutto localizzo il centro e poi con un bicchierone cerco di lasciare una lieve impronta, poi prendo un coltello e taglio un cerchio. Con il tempo ci si prende la mano per fare un cerchio a misura della propria ciambella! Una volta che ho tagliato il cerchio tolgo anche uno spicchio poco più piccolo di un quarto di tutta la ciambella. Questo mi serve sia per adattare meglio la sfoglia alla ciambella sia per avere dopo della sfoglia per ricoprire il tortino.
Una volta che ho la mia ciambella storpia cerco di avvicinare i margini liberi e sistemando prima la carta da forno (dove incido un solo taglio e tolgo anche il centro) poi appiccico i lembi di pasta sfoglia. Si dovrebbe formare un piccolo vulcanetto che sollevo e sistemo sopra la pentola o ciambella.
Mi lascio aiutare dalla gravita per sistemare bene la sfoglia, ci sta che da qualche parte deva appiccicare delle piegoline che si formano o tirare in fuori la carta che resta sotto
Ecco le varie fasi

Dopo di che procedo a riempirla.
Io ho trovato buonissimo l’accoppiata pomodoro + ricotta + parmigiano ma penso che dentro ci possan starbene un bel po’ di cosette buone buone.
Il primo strato è composto da fettine di pomodoro, poi butto un po’ a caso degli sblobbi di ricotta in maniera da non coprire completamente ma che sia ben sparsa un po’ ovunque
Condisco con sale, pepe, e magari anche basilico e poi via con un altro strato di fette di pomodoro
Alla fine copro tutto con sottili scaglie di parmigiano.


Per coprire il tortino prendo i due avanzini di sfoglia e li taglio a strisce e con le strisce cerco di coprire alla meglio cercando di formare un disegno come quello delle crostate.

Tappo la pentola e la metto sul fuoco. In meno di mezz’ora il tortino è bell’e pronto!!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto