Torta di grano saraceno, nocciole e fondente

Per il mio compleanno l’omo mi ha fatto la TOTTA, come ultimamente mi piace chiamare le torte, una t al posto della r.
Siccome ha dato il compito a me di infornarla ho deciso di farla poi a forma di muffin così potevo fare questa foto usando questo bellissimo aggeggio che mi ha regalato anni fa la mia amicicia Allaraba, titolo della foto “un desiderio ben custodito”:

https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/545682_3928301813953_1471937495_33393602_1829877712_n.jpg

La torta l’ha fatta modificando una ricetta che si trova su un libro strafigo “Dolci Dolomiti” (Clicca per vedere) a pag 196.
Qua nel trentino si trova questa farina di grano saraceno macinata grossa ed è squisita perchè quando mangi qualcosa che la contiene dentro trovi questi pezzettini croccantosi e saporiti, una delizia per il palato!!

Infredienti:
180 gr di burro
4 tuorli d’uovo
4 albumi
100 gr zucchero
150 gr di farina di grano saraceno macinata grossa
150 gr di nocciole tritate
80-100 gr di fondente tritato
un po’ di scorza di limone grattugiato
1 bustina di lievito

Mescolare prima burro con tuorli e zucchero e creare uno bello zabaione, aggiungere poi via via la buccia del limone grattugiata, le nocciole, la farina di grano saraceno, il lievito e il fondente sminuzzato o tritato come più vi piace. Nel frattempo se avete un partner gli avrete fatto montare le chiare a neve (quello che ho fatto io) e quindi poi le mescolerete al composto e una volta che il tutto è ben amalgamato lo potete versare nello stampo che più desiderate. Ovviamente se lo stampo è grande ci metterà un po’ più di tempo (classici 35-40 minuti a 180°, anche se non rispetto mai gli orari, guardo sempre e controllo con coltello), se sono maffin ci mettono più o meno la metà del tempo e magari la temperatura del forno più bassa rispetto alla torta normale.

https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash4/301829_3935938604868_1471937495_33397245_1707844447_n.jpg

Visto che il sapore lo richiedeva mi son permessa di “correggere” il tutto con un po’ di fragole e cioccolato. Ho preso un po’ di fragole mature e le ho tagliate e pezzetti lasciandole un po’ macerare con solo zucchero così che si formasse quel sughino bono. Niente limone perchè il limone stonerebbe parecchio. Poi ho preso una tazzina da caffè di quelle grandi e ci ho messo del fondente (per due muffin) tipo a riempire e aggiunto 2 cucchiai di latte e ho infilato nel microonde per 30 secondi circa e ho mescolato, ho rimesso dentro qualche altro secondo e rimescolato fino a ottenere una bella glassa cioccolatosa che ho versato sopra il muffin e un po’ sopra le fragole proprio prima di servire.
Inutile dire che erano squisiti!! La semplicità del gusto della torta non troppo dolce, integrale grazie alla grossolanità della farina del grano saraceno, quel che di fondente ma non troppo, le nocciole in sottofondo, la glassa calda sopra e l’acidognolo dolce delle fragole…mmmm… ovviamente il tutto accompagnato da un bicchiere di latte freddo!!
da leccarsi ancora i baffi!!

https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/532851_3935956965327_1471937495_33397256_1491012245_n.jpg

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto