Ripigliati col ciocco

Visto che domani il mio omo va in trasferta con i compagnucci del suo gruppo ho pensato di fare una torta per loro. Molto buona, calorica ed energizzante!!

Ingredienti
3 uova
1 tazza di zucchero
125 gr di burro
2 tazze di farina
1 vasetto di yogurt da 125 gr (bianco, cremoso o alla vaniglia)
100 gr di cioccolato fondente
100 gr di cioccolato al latte
50 gr di pinoli
50 gr di nocciole
50 gr di mandorle
(50 gr di noci se ce le volete)
2 cucchiai di nutella
1 bustina di lievito

Rompete le uova in una scodella e sbattetele per bene con lo zucchero, se avete la frusta elettrica fate meno fatica e viene più bona. Quando avrete uno bello zabaione aggiungete la prima tazza di farina, continuate a mescolare e aggiungete il burro fuso, dopo di che aggiungete l’altra tazza di farina e poi lo yogurt e infine il lievito. Quando l’impasto sarà ben omogeneo aggiungete il cioccolato tagliato in pezzetti piccoli piccoli e tutti i frutti secchi. Prendete una teglia, imburratela e infarinatela oppure usate la carta da forno e infornate in forno caldo.
Sarà cotta quando il coltello o lo stuzzichino se infilati nel dolce usciranno asciutti.

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto