Pastel de papas

Ingredienti per 4 persone
300 gr carne macinata mista = 276 cal
300 gr cipolle = 75 cal
17 gr olive (4 olive intere ma poi snocciolate) = 24 cal
50 gr uvetta = 158 cal
300 gr patate novelle = 210 cal
Totale calorie 678, per porzione 170 cal

Ho sbucciato le patate, tagliate a pezzetti e messe a bollire.
Ho tritato le cipolle e le ho messe a cuocere in una pentola a fondo spesso con un po’ di acqua, le avrò lasciate cuocere per 20 minuti almeno aggiungendo via via l’acqua. Poi ho aggiunto la carne macinata e mescolato bene per dividerla e ho aggiunto l’uva passa e le olive a pezzettini piccoli. Ho lasciato cuocere per 30-40 minuti controllando che non si bruciasse.


Ho scolato le patate e le ho trasformate in purè condito solo con sale.
Ho messo in una teglia/pirofila la carne e pareggiato per bene la superficie, per un tocco di classe ho messo il purè in una tasca da pasticcere e mi sono sbizzarrita a coprire con il purè la carne. Ho infornato fino a che il purè non si è dorato.

Ecco il piatto finito!!


La ricetta di mia madre prevede anche di mettere dentro anche l’uovo sodo tagliato a spicchi, ovvero infilarlo dentro la carne prima di mettere il purè

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto