Pasta fresca

Per la pasta fresca all’uovo
3 uova buone
3-4 cucchiai di latte (per fare la pasta ripiena)
farina di grano tenero 0 e farina di grano duro quanta ne servirà
Per la pasta fresca senza uovo
100 gr di farina a persona (calcolando un po di farina che servirà se si eccede con l’acqua)
acqua a sufficenza

Questi sono gli ingredienti per fare i ravioli con circa 600 gr di ripieno. Per calcolare quanta pasta serve tipo per 5 persone la mia nonna dice che si dovrebbe mettere un uovo a testa.

Mettete le uova e il latte in una ciotola, e andate aggiungendo la farina di entrambe i tipi un po alla volta mentre rimestate con una forchetta. Quando l’impasto diventa meno fluido e lo si può lavorare con le mani, abbandonate la forchetta e iniziate a maneggiare la pasta con le mani. Aggiungete farina fino a che è appiccicosa, ma non esagerate, deve comunque restare un po’ umida per poter poi fare i ravioli. Come dico sempre, la consistenza del pongo va bene!
Arrivati a quel punto bisogna lavorarla affinchè sia ben amalgamata e morbida.

Questa qua è la maniera di lavorare la pasta che mi ha insegnato la nonna adottiva. In pratica con le mani quasi chiuse a pugno si lavora la pasta, la si fa scorrere sotto i palmi per qualche volta, quando si è un po all’ungata, la si piega ametà e si gira, e di nuovo a massaggiarla!!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto