Involtini di tacchino con carciofi

Ingredienti per 2-4 persone
4 fette di tacchino medie
8 spicchi di carciofi (io uso quelli surgelati)
4 fette di prosciutto cotto
un po’ di ricotta
3-4 pomodori
funghetti trifolati (quelli sott’olio) oppure altri funghetti
pepe e sale a piacere
stuzzicadenti o spago da cucina

Ho preso le fette di tacchino e le ho tagliate a metà in maniera da ricavare comunque dei pezzi decenti per farci degli involtini. Se le fette fossero troppo piccole non tagliatele.
Sopra la fettina ho appoggiato una mezza fetta di prosciutto, poi il carciofo e 2-3 funghetti e un po’ di ricotta in maniera che ce ne sia ma che non sia troppa (l’involtino deve potersi chiudere abbastanza bene).
Se volete il pepe ci potrebbe stare bene, io li ho salati solo di fuori assieme al sughetto perchè il prosciutto li sala dentro. Quindi li ho “arrotolati” per quanto potevo (le mie fettine non erano grandissime) e li ho fermati alla meglio con gli stuzzicadenti e a volte anche 4 o 5 per involtino; altrimenti si può usare anche lo spago.
Ho fatto scaldare una padella antiaderente e appena calda ci ho messo gli involtini. Una volta che li ho saltati bene da entrambe le parti ho aggiunto i pomodori tagliati a pezzetti, ho aggiunto dell’acqua quando si asciugava troppo. Il tacchino ci mette poco a cuocere, mi sono basata più sulla cottura del pomodoro, ho spento quando la consistenza del sughetto mi piaceva!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto