Cupcakes alla banana e burro di arachidi

L’altro giorno ho mangiato una torta alla banana da una amica e oggi avevo proprio voglia di capecakes quindi vi propongo con misure all’italiana questa buona ricetta!

Le torte alla banana o i biscotti alla banana son per me un tuffo nel passato.
Quando nel 1991/92 vivevamo nella nostra “nuova” casetta in Italia, avevo iniziato i miei esperimenti culinari e mio padre aveva raccattato non so dove un frullatore dell’epoca arcaica ma per me era super! il mio primo elettrodomestico in cucina. Stando molto tempo da sola in casa e con tutta la libertà di poter accendere fornelli e forno e con il fatto che poi spesso ero io a cucinare per casa (al tempo soprattutto pasta data la mia giovane età ed inesperienza, ma meglio del sempre solito pollo alla birra o pollo al sale grosso di mio padre che mancava un pelo di fantasia). Fatto sta che uno dei ricordi più accesi che ho sono i miei improponibili biscotti alle banane. Erano dei dischetti moscissimi e quasi immangiabili e da allora non ho più cercato di usare le banane nei dolci memore del mio fallimento.
Dopo la torta della mia amica mi son ripresa e ci ho provato… con un ottimo risultato!
Ecco la ricetta originale! di Wild in the kitchen
qua va la mia!


Ingredienti:
1 tazza di zucchero
125 gr di burro
2 banane mature
2 uova
1/4 di tazza di latte o panna
1 tazza di farina
1/4 di tazza di farina di grano saraceno (in alternativa farina integrale o normale)
una bustina di lievito
1/4 di cucchiaino di sale
una tazza piccola di burro d’arachidi

Come al solito per fare i dolci uso il bimby (che può essere sostituito da un normale mixer) perchè ormai faccio prima e mescola benissimo. E da un po’ ho anche smesso di far sciogliere il burro quando faccio dolci, creo una crema con burro, uova e zucchero.
Comunque, secondo la legge unisci prima gli ingredienti solidi assieme e quelli secchi assieme, ho messo nel bimbi il burro con lo zucchero (la ricetta originale suggeriva di tenere il burro a temperatura ambiente), quindi le due banane a tocchetti, e poi ho aggiunto le 2 uova, ma tipo che ho lasciato girare per qualche minuto. Una volta ottenuta una crema omogenea ho iniziato ad aggiungere la farina, prima la tazza di farina bianca e il lievito, poi il sale e infine la farina di grano saraceno.
Alla fine di tutto ho preso il mio burro di arachidi e ho iniziato ad aggiungerlo a cucchiani, non sapevo bene quanto equivalesse una “piccola tazza” nel gergo statunitense perchè loro hanno i misurini già fatti sia per le tazze (da 1/4 di tazza alla tazza intera e varie misure di tazze) che per i cucchiai e cucchiaini. Ci saranno finiti 4-6 cucchiai da te di burro di arachidi, andavo aggiungendo e assaggiando fino a che non ho trovato un equilibrio che mi piaceva.
Quindi ho sistemato nei miei stampini, per l’occasione ho usato delle cartine marroni che mi richiamavano un po’ gli ingredienti usati. Ho riempito 12 stampini tondi e 3 rettangolari un po’ più grandi. Avrei potuto riempire quelli tondi un po’ di più ma alla fine meglio così con meno impasto perchè sono un po’ tosti e una dose piccola è più che giusta.
Sarebbero da accompagnare con una crema al burro di arachidi ma nella nostra alimentazione quotidiana un frosting di zucchero e burro di arachidi in più al tortino sarebbe troppa roba. Se mai mi accingerò a farne uno vi scrivo la mia ricetta!
Quello che ci sarebbe stato bene dentro è una crema alla vaniglia/banana da mettere dentro e sopra, ma ormai avevo finito le banane!!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto