Cordon bleu fatti in casa

Tempo fa non so più dove vi ho detto che il mi omo mi cucina i cordon bleu e avete chiesto la ricetta…
Ecco, visto che mi sono messa seriamente a dieta mo ve la pubblico perchè d’ora in avanti mi sa che non li vedrò più nemmeno io ste squisitezze!!

Essenzialmente servono delle fettine di carne, del formaggio che fonda e del prosciutto cotto.
Da quando stiamo insieme li abbiamo fatti due volte, una con le fettine di maiale e una con le fettine di manzo più o meno grandicello. Posso dire che con il manzo o carne più o meno adulta non sono buone perchè serve una carne morbida che richieda poco tempo di cottura, quindi una carne sottile e morbidosa, senza calli o grassetti.
Per la scelta del formaggio noi facciamo in base a quello che abbiamo a casa che può essere dalla toma piemontese all’emental. Basta che si sciolga!!
Per il cotto spesso prendiamo i fondini quindi tagliamo fettucce abbastanza spesse, penso che vada benissimo quello che avete sottomano, al massimo mettete due fettine piegate e ripiegate affinchè stiano dentro la fettina.
Come si procede?
La fettina si prende e si imbottisce ma solo per metà perchè poi va piegata. Nel frattempo o prima si sbatte un uovo (per circa 4-6 fettine) e si condisce con sale e pepe). Le fettine vanno piegate. Più la fetta è grande meglio regge. Quindi se avete delle belle fettone di petto di pollo allora siete a cavallo! noi abbiamo avuto sempre delle mini fettine e ogni tanto per farle star chiuse (perchè siamo golosi e dentro le abbiamo stra-riempite con cotto e formaggio) le abbiamo dovute infilzare con gli stuzzicadenti)

Una volta che sono stabili (chiusi con stuzzicadenti o che stanno chiusi per conto loro) li passo per l’uovo e dopo li impano, quindi li friggo. E’ questa la triste verità del cordon bleu. La frittura!
Vedrò se riesco a fare una versione dietetica, o più dietetica, nel forno.

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto