Ciambella alle pere

La mia nonna malefica qualcosa di buono ogni tanto faceva. Una di queste cose era la ciambellona di pere che faceva quando trascorreva l’estate nella sua casetta che si era fatta fare nel nostro paesino. Siccome ai tempi aveva messo su solo due fornelli per fare torte usava il suo fornetto palestinese, così lo chiamava lei, che sarebbe il fornetto della versilia o la pentola fornetto. Fatto sta che sto ciambellone era pieno di pere e molto alto e ticcio. Personalmente ora lo preferisco più uovoso e burroso che non un mattoncione da merenda. Comunque, questa torta e i brownies che lei ogni tanto faceva resteranno nella mia memoria da nipotina


Ingredienti
150 gr di burro
1 tazza di zucchero
2 tazze di farina
1 bustina di lievito
120 ml di panna
150 gr di yogurt bianco
3 uova
3 pere mature

Ho lavorato il burro con lo zucchero fino a farli diventare una bella crema dopo di che ho aggiunto le uova intere e lavorato ancora. Confesso che col bimby nuovo è una pacchia e mescola che è una meraviglia! Poi ho aggiunto la prima tazza di farina e il lievito e si è formato un bell’impasto, dopo ho aggiunto lo yogurt e la panna e alla fine la seconda tazza di farina. L’impasto che ne è venuto fuori era molto cremoso e sodo. L’ho versato nella mia pentola fornetto e ho aggiunto le pere tagliate a spicchi infilandole un po’ dentro l’impasto. Ho cotto la torta nel fornetto a fuoco medio-basso per circa 50 minuti, dopo ho notato che forse sarebbero bastati anche giusto 40-45 minuti

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto