Torta moo


Ecco qua una torta vegan che ho fatto per il compleanno di un mio amico!!

Ingredienti per il “pan di spagna”
200 gr di zucchero
520 gr di farina
250 gr di margarina
450 ml di bevanda di soia
1 bustina di lievito
150 gr di panna vegetale

Montate con la frusta la panna vegetale, poi aggiungeteci la margarina mezza sciolta (io l’ho messa in micro per 2 minuti) o comunque morbidona che sia possibile sbatterla con la panna. Iniziate a sbattere il tutto, aggiungendo anche lo zucchero, e quando avrete ottenuto un bel impasto gonfio iniziate ad aggiungere anche la farina, sempre sbattendo con la frusta. Di tanto in tanto dovete aggiungere un po’ di latte di soia così è più facile mescolare. Quando tutta la farina il latte son stati aggiunti, dividete il composto in 3 teglie uguali, oppure se non le avete potete dividere il composto in varie teglie e dopo fare un bel puzzle dei ripiani della torta, oppure usare sempre la solita teglia e infornarla 3 volte. L’altezza dell’impasto dev’essere circa 1 dito, e va cotto fino a che sopra non si dora un pochetto.

Ingredienti per la crema moo
300 gr di zucchero
120 gr di farina
200 gr di panna
600 ml di latte di soia
1/2 baccello di vaniglia
200 gr di cioccolato bianco

Prendete un pentolino che potrà contenere alla fine tutti gli ingredienti, e versateci lo zuccherò e nient’altro e mettetelo al fuoco e appena inizia a farsi caramello, iniziate a mescolare (se volete la ricettina….). Quando lo zucchero sarà diventato caramello aggiungete la panna mescolando meticolosamente e velocemente. Poi aggiungete tutto il latte di soia e la farina e la vaniglia , facendo attenzione a che non si formino dei grummi, in tal caso potete benissimo usare il frullino.Quando non ci saranno grummi aggiungete il cioccolato bianco a pezzetti. Continuate a cuocere, sempre mescolando, la crema finchè non piglia l’aspetto di crema-colla, ossia che diventa bella soda e appiccicaticcia, quindi è pronta!

Per la glassa di cioccolato
200 gr di cioccolato fondente
150 gr di panna vegetale

Versate la panna e il cioccolato in un pentolino e fate sciogliere a fuoco basso. Quando tutto è sciolto è pronto!

Montaggio della torta
Prendete il primo strato di pan di spagna e sistematelo in un vassoio (che possa entrare in frigo), se poi pensate mettere il dolce in un contenitore più bello, per guarnirlo potete appoggiare il tutto su carta da forno per poter poi spostare meglio il dolce.
Su questo primo strato di torta spalmate un po di cioccolato, calcolando che dovrete farlo una seconda volta e poi decorare il fuori ( a me è avanzata glassa…); se avete il tempo di aspettare che si rapprenda meglio, altrimenti spalmate subito anche uno strato di crema (idem come sopra, una parte di crema serve anche per coprire tutto il dolce alla fine). Se fate questi due spalmamenti insieme il risultato sarà un pastrocchio visivo (come nella foto) ma il sapore alla fine è comunque buono!

Poi adagiate sopra la melma cioccolatosa il secondo strato di pan di spagna, regolatelo con quello di sotto se avanzano o mancano dei pezzi, e spalmate anche questo con entrambe le creme.

Posizionate infine l’ultimo strato di pan di spagna e versateci sopra tutta la restante crema moo e iniziate a cospargere tutta l superficie e i lati, in maniera tale che sia bellina da vedere.

pimp myspace - Gickr
Tirate fuori la torta da frigo e metteteci le rosette come più vi aggrada!!
Il dolce viene più buono se passa 4-6 ore in frigo prima di esser mangiato! Poi, se vi aggrada, decorate con la glassa di cioccolato facendo dei disegnini, io per farlo ho preso una siringa e la riempivo con la glassa.
Mettete il dolce in frigo e fate le roselline…(trovate la ricetta qua!)

Puoi leggere..

Cosa danneggia il perineo

Cosa danneggia il perineo?

In tantissime/i pensano che il perineo sia danneggiato solo da parto vaginale e menopausa. E invece no… Il pavimento pelvico può avere delle disfunzioni anche

Eventi

Come vivere al meglio la Gravidanza!

  Questa domenica sarò impegnata finalmente nella mia zona, Livorno, per un incontro super figo sul benessere in gravidanza. I professionisti di FisioCare di Studio