Sigarette di patate ai ceci

Sperimentando ricette per gli incontri di autosvezzamento mi è venuto in mente questo modo alternativo di fare le patate duchessa, che poi io le patate duchessa a dire il vero non le ho mai fatte ma tanto non è ora la cosa importante….

Una cosa che è importante per i bambini che iniziano a introdurre gli alimenti solidi è che questi siano sani ma soprattutto che siano alla loro portata, ovvero che riescano a prenderli e a porterli in qualche modo masticare con le fortissime mandibole sdentate o con quei bellissimi e tanglienti primi dentini che iniziano a spuntare.

Una forma che è sempre congeniale è quella del bastoncino. La patata di per sè da sola lessa spesso si spappola e va benissimo per sperimentare le consistenze e giocare e spappolare.
Questa cottura al forno del purè invece offre un nuovo alimento che offre un po’ di resistenza e crea un biscotto soffice mordibile e poi sofficioso.

Ingredienti:
per fare questo piattino ho usato 3 patate medie (poco più grandi di un mandarino)
3 cucchiai rasi di farina di ceci
sale
dado vegetale
un po’ di tahin (pasta di sesamo) oppure le spezie che preferite

Ho messo tutto nel mio frullatore e ho frullato fino a ottenere un purè bello omogeneo. Assaggiandolo per sentire la quantità di sale il composto con la farina di ceci fa alquanto ibòh ma cuocendo cambia sapore in meglio.
Ho preso il composto e l’ho inserito nella mia manica da pasticcere e ho creato poi delle sigarettine sulla carta da forno. Una volta che ho finito tutto ho infornato in forno caldo a 200 gradi centigradi circa e le ho tolte quando erano ben dorate.
Se non avete la sacca poche potete usare uno di quei sacchetti da freezer, lo riempite e poi tagliate un angolino e la userete proprio come una tasca da pasticcere. Il taglio deve essere proprio piccolino, vi consiglio di fare delle prove.

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto