Pomodorini ripieni con pesto leggero


Ingredienti:
10-20 pomodorini ciliegini
basilico (un bel po’)
30-50gr mandorle sbucciate(*)
mezzo zucchino
2-3 cucchiai di latte di soia
2 cucchiai di olio di oliva

Prendete un tritatutto e metteteci il basilico a pezzetti (la quantità di basilico da usare penso sia molto individuale, a me per esempio me ne piace molto, casomai assaggiate via via il pesto), le mandorle, lo zucchino e l’olio di oliva e tritate abbondantemente e se vedete che è troppo asciutto aggiungete un po’ alla volta il latte di soia. Una volta che il tutto sarà una pappetta -è possibile ed anche più buono se qualche mandorla restasse a pezzettoni- condite con sale e pepe a vostro piacimento.

le mani son quelle della spora, che ha fatto tutti i pomodorini

Prendete i pomodorini e tagliate una fettina dalla parte dove c’è il buchetto, come se fosse un coperchio del pomodorino, e poi prendete un cucchiaino a punta, nel mio caso ne ho usato uno di plastica che si prestava bene alla funzione, e togliete la polpa del pomodorino lasciandolo vuoto all’interno. Vedi foto.
Prendete un cucchiaino di pesto e riempite il pomodorino, non strabordante ma giusto a livello! ora prendete una fogliolina di basilico e appoggiatela sul pomodorino in maniera che sporga e infine mettete il tappino del pomodoro e fermate il tutto con uno stuzzicadenti.
(*) Se trovate o avete in casa mandorle con la buccia vi consiglio di sbucciarle!!
Per farlo mettete a bollire dell’acqua in un pentolino, quando bolle buttateci le mandorle per pochissimo tempo, al massimo un minutino, poi con tanta pazienza e mani di amianto iniziate a sbucciare le mandorle: mettetele su un canovaccio/asciughino pulito e usate quello per sbucciarle meglio.

ps: questo pesto lo potete usare anche per la pasta o come salsina da spalmare sul pane!!

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto