Polpette di soia, miglio e melanzane

Eccomi qua con una nuova ricetta che ho proposto all’ultimo incontro di autosvezzamento.
Delle polpette vegetariane fatte con l’okara di soia, il miglio e pane grattugiato per legare e un po’ di melanzana e cipolla per insaporire.


Ingredienti:
okara derivante da 100 gr di soia o in alternativa 100 gr di soia cotti circa
1 tazzina di miglio
circa 100 gr di pan grattato
2 uova (da sostituire con acqua e maizena per i vegani, ma anche senza metterle)
1 cipolla rossa (o quella che avete in casa)
mezza melanzana
sale, pepe, aglio in polvere, curry, dado vegetale

Intanto mi son fatta il latte di soia e con “l’avanzo” ovvero con l’okara ho deciso di farci delle polpette. Spesso le polpette che faccio di legumi alla fine le cuocio troppo in forno e vengono secchissime e quindi ho deciso di metterci dentro un buon po’ di verdurine ed ecco che entrano in gioco le melanzane.
L’okara è già pronta… Ho però dovuto cuocere il miglio! ho preso una tazzina di miglio e poi 3 di acqua e ho cotto a fuoco lento fino a che il miglio non ha assorbito tutta l’acqua. Invece di salare l’acqua ho messo il dado vegetale.
Nel frattempo ho tritato la cipolla e l’ho saltata con un po’ di olio, quando aveva una buona rosolatura ho aggiunto la melanzana. Per non fare attaccare ho bagnato con latte di mandorle, ma si può ovviamente fare anche con l’acqua o il latte vaccino, in base ai gusti e a quello che si ha in casa.
Alla fine mi son ritrovata a mettere insieme l’okara, il miglio e la melanzana saltata. Ho aggiunto le due uova e ho iniziato a mescolare, visto che mancava di un po’ di consistenza ho aggiunto via via il pan grattato e credo di averne messo circa 100 gr.
Ho assaggiato e aggiunto sale, pepe, un po’ di aglio in polvere perchè va a condire meglio tutto l’impasto e non solo in punti come se ce lo mettessi tritato, un po’ di curry per dare quel chè di gusto. Volendo se avete in casa il lievito di birra in scaglie anche quello ci starebbe benissimo!
Ho preso una teglia e un foglio di carta da forno, e ho creato delle pallotte usando due cucchiai. Non le ho rivoltate nel pan grattato come al solito e questo credo che abbia migliorato la situazione della secchezza polpette. Una volta che ho spolpettato tutto l’impasto ho messo la teglia in forno sui 180-200 gr e ho cotto fino a che non si sono dorate.
Le abbiamo mangiate con un po’ di verdurine saltate.

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto