Il mio tofu!

Nel giro di qualche giorno dopo il pranzo dalla mia amica Valentina dove abbiamo mangiato tra le altre cose tofu e polpette di okara mi son decisa a buttarmi pure io nel far da me i latti vegetali e quello che viene dopo.
Dopo esperimenti con riso e mandorle ho fatto il latte di soia con il bimby seguendo una ricetta online, ma con tristi risultati.
La ricetta che ho seguito mi faceva tritare troppo la soia e ottenevo una cosa troppo fagiolosa.
Ci ho riprovato cercando un metodo che potesse andare bene.
Quindi con questa ricetta ho ottenuto un buon latte di soia, almeno dall’odore. Ignoro come isa effettivamente il gusto perchè non l’ho mai assaggiato, solo usato per cucinare.

Per fare il tofu serve quindi latte di soia (non tutti i latti che si trovano in commercio si cagliano, soprattutto quelli che contengono sale), un cagliante e quello più facilmente reperibile è il limone e un qualcosa per poter filtrare e poi pressare quello che si ottiene.
Per un litro di latte di soia ho usato il succo di due limoni, però penso che la prossima volta proverò con uno e mezzo perchè il tofu sapeva troppo di limone.

Durante il procedimento per fare il latte si ottiene l’okara che è molto buona per cucinare poi altre cose. Io come prima ricetta ci farò delle polpette.

Ho spremuto i limoni (prima volta 2, la prossima provo con un po’ meno e afiltrarlo con un colino) e ho mescolato al latte (dopo che l’avevo fatto bollire per 7 minuti circa) e il latte ha iniziato a cagliarsi. Sotto consiglio della mia amica ho lasciato riposare per circa mezz’ora 

Passata la mezz’ora ho preso il boccale e ho iniziato a versare tutto dentro il mio telino di organza per poter separare il siero dai grummi di tofu. Prima mi son servita di un colino grande così non andava di fuori e poi son passata allo schiaccia patate

Per fare il tofu e comprimere ci sono delle scatolette apposta, vistoche non ce l’ho mi sono ingegnata con quello che avevo a casa, un colino oppure lo schiaccia patate che per la quantità di tofu che si crea da 1 lt di latte è più che sufficiente. Ho premuto un po’ nel giro di una mezz’ora o più e quando mi sembrava con buona consistenza l’ho tolto dallo schiaccia patate

Eccolo aperto …
 

Ed ecco la formina di tofu rigirata e su un piattino! Pronto per essere gustato con altre cosette, poi vi posterò le ricette

Questo tofu l’ho fatto con un latte venuto male, è un tofu fatto sia con il latte che con l’okara. Lo userò per una torta salata.

Puoi leggere..

Selenia Accettulli

Mi chiamo Selenia e nella vita sono un’ostetrica colorata, innamorata del rosa, ma solo per le uniche vibrazioni che mi trasmette.Lavoro come libera professionista e

Francesca Romano

Sono un’ostetrica libera professionista e mi occupo di salute pelvica femminile; la mia formazione post-laurea si focalizza soprattutto, ma non solo, sulla rieducazione del pavimento

Eleonora Felisatti

Mi occupo di riabilitazione del pavimento pelvico, supporto e sostegno all’equilibrio mestruale, consulenze preconcezionali, per le affezioni vaginali e per la scelta della coppetta mestruale

Eleonora Guidubaldi

Come Ostetrica, il mio obiettivo è offrire ad ogni donna il supporto e il sostegno necessari affinchè possa compiere un percorso di consapevolezza e conoscenza di sè

Daniela Carlevale

Mi sono laureata in Ostetricia nel 2010 con una tesi sperimentale sul parto in casa maternità. Il mio unico desiderio di allora era stare accanto